Zorbing: rotolare chiusi in una sfera

Lo zorbing fa venire in mente certe puntatone di Mai dire Banzai, quando Pokoto Pokoto e Mashiro Tamigi guidavano una schiera di giapponesi scatenati in improbabili gare fuori di testa. O anche le lotte nelle Atlasphere in Gladiators, quel programma americano degli anni Novanta in cui dei supermachi si sfidavano a chi fosse il più forte.

Si tratta di una bizzarra attività nata in Nuova Zelanda nel 1994, quando Dwane van der Sluis e Andrew Akers concepirono l’idea di realizzare una sfera di plastica in cui potersi infilare per poi rotolare in giro senza farsi male, un po’ come le hamster ball dei roditori domestici. L’invenzione, immediatamente brevettata e battezzata Zorb (c’è anche un sito ufficiale), è nel tempo diventata famosa in molti paesi, trasformandosi in un vero e proprio sport.

Le regole sono semplici: si entra dentro la bolla e ci si lascia andare giù per un pendio, a una velocità che può arrivare anche a 50 km/h. In alcuni casi vengono piazzati lungo il percorso degli ostacoli o delle rampe per rendere più divertente la corsa.

Il luogo principe dove cimentarsi in un po’ di zorbing è senz’altro Rotorua, in Nuova Zelanda, dove tutto ha avuto inizio: qui si trova infatti il primo centro in assoluto. Ma non è necessario andare così lontano: anche in Italia esistono località dove provare questa roba da pazzi. Una per esempio è in Umbria, al Sibillini Adventure di Norcia, un centro dedicato ad attività all’aria aperta. Un’altra è al Rafting Center in Val di Sole, in Trentino: dagli anni Ottanta organizzano attività sportive legate principalmente all’alpinismo e agli sport fluviali, ma non hanno resistito alla tentazione di proporre anche qualcosa di più insolito. In entrambi i casi una giornata del genere  viene a costare tra i 20 e i 30 euro.

Se, infine, proprio non vi va di muovervi e pensate di arrangiarvi da soli, c’è anche la possibilità di acquistare online una Zorbing Ball al modico prezzo di 950 dollari.

Fonte: Wired.it
Aggiornamento: 15-09-2012 (4)
Sezione: Psiche e Aurora
Rubrica: Xtremo