Valeria Cagnini

valeria-cagnini_15-11-18Valeria Cagnini, 17 anni, tanto entusiasmo e una grande passione per robot, coding e tecnologia che l’hanno portata fino al MIT di Boston, nel 2016 e poi in giro per il mondo, tra conferenze ed eventi. Ha scoperto questa passione a undici anni quando, utilizzando un kit di Arduino, ha realizzato il suo primo robot. Oggi, insieme al socio Francesco Baldassarre, 25 anni, Valeria ha messo in piedi una vera e propria impresa per insegnare robotica.

LA ROBOTICA A PORTATA DI MANO
Tra le attività proposte ci sono corsi, laboratori, campi estivi e percorsi nelle scuole, di durata variabile da poche ore fino a una quindicina di incontri. Non si tratta solo di far apprendere la robotica, ma anche il lavoro di gruppo e il cosiddetto “reverse mentoring”: un laboratorio-tipo, che dura una mezza giornata, le persone familiarizzano con robot che si muovono, volano, camminano sull’acqua o sono in grado di interagire con gli esseri umani.

COME IMMAGINA IL FUTURO
«Tutti i lavori automatici, noiosi e ripetitivi» spiega Valeria «spariranno in fretta soppiantati dai robot. A noi resteranno solo quelli più creativi, divertenti e con altissimo uso della ragione e del cervello. Per non restare fuori dal mondo del lavoro ci si dovrà formare costantemente e raggiungere gli apici, questa è la nuova sfida: sarà assolutamente divertente se avremo scoperto ed inseguito le nostre passioni. Fai ciò che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita!»