Tutti in acqua con il Rugby Subacqueo

Il Rugby Subacqueo è uno sport di squadra che viene giocato in piscine profonde da 3,5 a 5 metri, con un area di gioco di circa 10×15 metri. Lo scopo del gioco è quello di introdurre una palla, piena di una soluzione di acqua e sale, in un canestro difeso dalla squadra avversaria, posto sul fondo della piscina, in corrispondenza del lato corto dell’area di gioco. Le squadre sono formate da un massimo di 11 giocatori di cui: 6 in acqua e 5 sempre pronti a sostituirli. Le partite consistono di due tempi di 15 minuti ciascuno.

La disciplina è contrassegnata da un forte contatto fisico, con regole che  garantiscono la sicurezza e l’incolumità degli atleti. Questo sport si è sviluppato, nel corso degli ultimi quarant’anni, prevalentemente nel Centro e nel Nord Europa. In Italia il suo debutto avvenne nel 1998, a Firenze, come attività amatoriale. Con la disputa del primo campionato italiano, nel 2003, ebbe inizio ufficialmente l’attività agonistica.

Le origini del rugby subacqueo le ritroviamo negli allenamenti di aqua fitness dei club tedeschi di immersioni ed ha poco in comune con il rugby a parte il nome. In realtà, la disciplina nacqua a Colonia nel 1961 e deve le sue origini alla necessità dei club di immersioni marine di mantenere il rapporto con l’ambiente acquatico durante il freddo inverno.

Questo sport, oltre a una buona capacità di apnea, è fondato anche su principi tattici e di organizzazione al pari delle altre discipline: non avendo bombole infatti, i giocatori devono sempre riemergere a prendere fiato, dunque è importante anche coordinarsi con i compagni sui “tempi”, in modo che ci sia sempre qualcuno in attacco o in difesa mentre gli altri compagni risalgono a respirare. Si tratta comunque uno sport per tutti, non richiede una forza fisica particolare, solo naturalmente capacità natatorie e di apnea: soprattutto è un modo per socializzare e stare insieme, divertendosi in un clima di amicizia.

Fonte: Portale.fipsas.it
Aggiornamento: 29-09-2012 (6)
Sezione: Psiche e Aurora
Rubrica: Xtremo