A Colleferro ponte culturale tra il liceo e le medie con “Gli angeli di Perlasca”


Martedì 18 febbraio, alle ore 9, il Liceo Scientifico Marconi di Colleferro (Rm) si apre alle scuole medie attraverso l’incontro con lo scrittore Massimiliano Santini, autore de “Gli angeli di Perlasca” (Psiche e Aurora editore), romanzo-documento dedicato alle storie degli adolescenti vissuti durante la Shoah.

Il progetto – che vede il coinvolgimento del Liceo Marconi, della casa editrice Psiche e Aurora di San Donato Val di Comino (Fr) e delle scuole medie di Colleferro, Valmontone e Paliano – ha avuto inizio nel mese di dicembre con la lettura del testo, curata dagli insegnanti di Lettere di ciascuna classe. Nella fase preparatoria all’incontro con l’autore, sono state coordinate attività comuni fra gli alunni del liceo e delle scuole medie; in particolar modo, durante il Giorno della Memoria, gli alunni della 4C e della 5G del Liceo Scientifico G. Marconi, sostituendosi completamente ai docenti, hanno presentato ai loro compagni più piccoli dei lavori in PowerPoint su vari aspetti inerenti l’Olocausto.

«L’iniziativa – spiega il professor Vincenzo Gentile, coordinatore del progetto – ha una duplice finalità: da una parte si propone di creare una continuità per le attività didattiche e extracurricolari fra scuola media e liceo, dall’altra propone un invito alla lettura che è un’attività importantissima che va coltivata e promossa già quando i ragazzi sono piccoli e quindi prima che si iscrivano al liceo. È certamente uno stimolo in più per tutti (docenti e alunni) creare una rete di collaborazione che possa permettere uno scambio di esperienze e un arricchimento professionale fondamentali per il nostro tipo di lavoro».

“Gli angeli di Perlasca” è un romanzo ambientato nell’autunno del 1944 a Budapest. Protagonista è Giorgio Perlasca, che per salvare dalla deportazione gli oltre cinquemila ebrei che vivono in case protette spagnole, si “autonomina” responsabile dell’Ambasciata di Spagna. La tragedia incombe anzitutto sui più piccoli: centinaia di Jolan, Magdalena, Jorge, Veronika, Tamas ed Eva conosceranno sulla loro pelle l’orrore, ma sopravvivranno grazie all’eroismo dell’italiano che, rischiando la vita, ebbe la meglio su gerarchi, militari e persino su Adolf Eichmann. Nel 1989 Israele ha riconosciuto Giorgio Perlasca “Giusto tra le Nazioni”.

CLASSI PARTECIPANTI
5G e 4C del Liceo Scientifico G. Marconi di Colleferro (prof. Vincenzo Gentile e prof.ssa Liliana Zaghi)
3B, 3D e 3E della Scuola Media Leonardo da Vinci di Colleferro (prof.ssa Maria Colella)
3B e 3D della Scuola Media G. Mazzini di Colleferro (prof.ssa Assunta Massicci)
3B della Scuola Media O. Giorgi di Valmontone (prof.ssa Monica Fraticelli)
3A della Scuola Media F.lli Beguinot di Paliano (prof.ssa Concetta Caleo)

Fonte: redazione
Aggiornamento: 15-02-2014
Sezione: Psiche e Aurora
Rubrica: Schoolatwork+

* * *

ARTICOLI CORRELATI
Giornata della Memoria: ricordi ed emozioni all’Università di Cassino
“Gli angeli di Perlasca”: gli studenti di Terracina ad Auschwitz