Lo Shaolin Soccer esiste ed è una metodologia di allenamento

azioni_07-09-17L’unica connessione che mi viene in mente fra le arti marziali e il calcio è Shaolin Soccer, film diretto da Stephen Cow, uscito nelle sale cinematografiche di tutto il mondo nel 2001. La trama parla di Sing, “la potente gamba d’acciaio”, che per ridare lustro alle arti marziali alle quali il pubblico si è completamente disinteressato, decide dopo vari tentativi, assieme all’amico Fong, di abbinare lo Shaolin al calcio creando il club Real Shaolin. Quella che è la trama di un film si è tramutata in realtà nel 2015 a Zhengzhou, capitale della provincia centrale dell’Henan.

Secondo le leggende, lo Shaolin nacque nel 527 dc proprio nella provincia di Henan, con l’arrivo al tempio del monaco buddista Bodhidharma o Puti Damo. Tale figura non è certo se sia stata reale o meno, in quanto vi è una sola testimonianza scritta, risalente a 20 anni dopo il suo arrivo, che lo descrive come un persiano dagli occhi blu vecchio 150 anni. Puti Damo, trovò i monaci in condizioni fisiche non adeguate allo studio del Buddismo Chan (indiano) tramite la meditazione, pertanto insegnò loro le pratiche corporee dell’Yijning e l’esercizio mentale denominato Shiba luohan shou. Si ritiene appunto che queste tecniche abbiano dato inizio allo stile codificato tipico di Shaolin.

Nel 2015 sono stati selezionati 100 ragazzi, di cui la metà donne, seguiti da tre esperti allenatori di calcio inviati dalle autorità sportive della provincia di Henan. «Questo è solo l’inizio» dichiara il giorno dell’apertura Liu Haike, vicepresidente della Shaolin Tagou Martial Arts School. «Sempre più giovani ragazzi entreranno a far parte del nostro programma e sono sicuro che daremo il nostro contributo per lo sviluppo del talento calcistico».

A due anni di distanza dall’apertura della Shaolin Soccer School, non sono stati prodotti calciatori di spessore, ne il nuovo istituto ha ottenuto risultati eclatanti a livello giovanile. La correlazione fra arti marziali e calcio continua ad essere un mistero per quanto concerne un’applicazione utile e reale, ma per trovate pubblicitarie, la creazione di un brand o produzioni cinematografiche è sicuramente un’idea geniale.

Fonte: Blogcalciocina.altervista.org
Autore: Nicholas Gineprini