Il supermercato dei prodotti mai venduti

storie_08-01-18Ogni giorno migliaia di prodotti raggiungono gli scaffali dei supermercati, pronti a sedurci in quello che i sociologi chiamano lo spettacolo della merce. Ma non tutti raggiungono il loro obiettivo (quello di farsi acquistare), anzi: molti prodotti non superano la prova scaffale e presto escono di produzione, invenduti e inesorabilmente destinati al macero. Con una unica eccezione che serve a salvare un esemplare (uno solo), che da molte parti del mondo viene spedito negli Usa, al NewProductWorks (NPW).

ARCHIVIO
Alloggiato in un parco industriale di Ann Arbor, nel Michigan (Usa), e concepito come un vero e proprio supermercato, l’NPW è l’assortimento più completo al mondo di confezioni di prodotti alimentari e articoli per la casa – più di 140.000 – dove trovano spazio anche i fallimenti e i prodotti dalla breve vita. Merce non in vendita, ma raccolta e organizzata al solo scopo di creare un archivio storico del comportamento dei consumatori.

PER IMPARARE DAGLI ERRORI
La NPW è infatti una società di ricerche di mercato che dagli anni ’30 è specializzata in lanci di prodotti. Gli scaffali del suo magazzino/archivio contengono di tutto: dalle caramelle al gel per capelli e ai barattoli di burro di arachidi. Di ogni prodotto c’è un solo articolo, e per gli addetti ai lavori è più che sufficiente: ogni giorno, responsabili del marketing di svariate aziende vi si recano in pellegrinaggio per imparare dagli errori dei loro concorrenti. Si aggirano in piccoli gruppi tra i corridoi del supermercato fantasma per raccogliere idee, tra packaging moderno o di prodotti che risalgono addirittura agli anni ’70.

LA PSICHE DEL CONSUMO
La sfilata di prodotti sugli scaffali è un vero e proprio specchio della psiche del consumo americana. Vi si trovano prodotti che non hanno neppure fatto in tempo a varcare gli oceani: dallo shampoo per capelli oleosi, sconfitto dall’autostima degli acquirenti che mai avrebbero ammesso tale untuosità, ai Kleenex antivirali, che ebbero la sfortuna di essere lanciati anzitempo, nel 1984, quando la mania salutista era solo agli inizi (oggi forse andrebbe diversamente). E così via, fino agli omogeneizzati per adulti, probabilmente sfiduciati dal fatto che nel marchio ci fosse la parola “singles”: scena triste per un adulto quella di starsene da solo acasa, a mangiare omogeneizzati (e la pubblicità, lo sappiamo, vende sogni).

QUESTIONE DI DESIGN
Non ci sono solo fallimenti: tra i 140.000 articoli esposti spiccano anche storie di successo che possono ispirare e, soprattutto, tanti imballaggi intelligenti, perché un modo diverso di presentare il solito prodotto spesso si rivela vincente. Raccogliendo oggetti da tutto il mondo, il supermercato di NewProductWorks è anche una delle più incredibili collezioni di design industriale mai viste.

Fonte: Focus.it