Fantasy e tanta creatività alla “Rodrigo di Rocco” di Castelliri con Ondina

schoolatwork_06-06-17Lunedì 5 giugno presso la Scuola Secondaria di primo grado “Padre Rodrigo Di Rocco” di Castelliri (Fr) si è concluso il percorso di approfondimento letterario per gli alunni delle classi prima e seconde. Alla presenza di Luca Leone e di Mauro La Barbera della casa editrice Psiche e Aurora, è andato in scena il “teatro delle marionette”, libero riadattamento del romanzo fantasy Ondina e il mistero del lago di Giuseppe Paone.

UN APPUNTAMENTO CHE SI RINNOVA
Giunta alla sua decima edizione, l’appuntamento della scuola Secondaria di primo grado di Castelliri continua ad entusiasmare alunni, docenti e genitori. L’idea di quest’anno ha previsto la fusione di tre laboratori espressivi: quello musicale, artistico e letterario. L’ambientazione del romanzo ben si è collegata al progetto d’Istituto “Io e l’universo in cui vivo, mi relaziono, agisco”. Infatti il lago di Posta Fibreno è lo scenario dove una ragazza di tredici anni entra in contatto con una creatura fantastica, che vive con la sua gente sotto il lago. Insieme riusciranno a sconfiggere il malvagio Lycarius, un uomo immortale che vuole distruggere l’intero paese.

LA RICERCA DI TESTI E MUSICHE
Al termine della lettura del romanzo, utilizzato come testo di narrativa durante l’anno scolastico, gli studenti hanno scritto brevi sintesi da cui è stato tratto il copione che prevedeva parti narrate, dialoghi e sonorità. Gli alunni hanno registrato con l’aiuto di un tecnico del suono le parti narrate e nel laboratorio d’informatica hanno scelto con la prof.ssa di Musica,  Viviana Iori, le sonorità che più si addicevano al contenuto del testo. L’unione di  testi e musiche ha visto nascere un audiolibro.

IL TEATRO DELLE MARIONETTE
La professoressa Marisa Trabazos, docente di Arte ha guidato gli alunni di prima all’ideazione e poi alla costruzione delle marionette che rappresentavano i sette personaggi principali del testo. È stato fatto uno studio dell’aspetto fisico, del carattere e dei colori dei tessuti. I sette personaggi hanno avuto una nuova identità, uscita dalle menti degli alunni che li interpretavano. Durante la rappresentazione, puntuali gli alunni della classe prima guidavano le marionette con l’audiolibro che faceva loro da colonna sonora.

BILANCIO DEL PROGETTO
Per gli studenti si è trattata di un’esperienza divertentissima, sicuramente da ripetere. Per gli alunni di seconda è stato un esercizio di potenziamento di lettura e scrittura, che ha permesso loro di appropriarsi del testo in modo originale. Al termine altri alunni si sono occupati dell’intervista all’editore. Un ringraziamento speciale va ad Antonella Di Piro e Cristina Piedimonte, docenti di Lettere , per il lavoro svolto e un grazie ad Anna Zeppieri, dirigente scolastico, per aver creduto dall’inizio al progetto permettendone la realizzazione».