Due abruzzesi inventano gli eco rullini con mais e barbabietola

storie_26-10-15Rullini ecologici realizzati con un polimero derivante da mais, grano e barbabietola: è questa l’idea innovativa di Domenico Antonucci, 34enne e Guido Pantoni, 35 anni.

Appassionati di fotografia hanno avviato un laboratorio professionale a Francavilla (Abruzzo) dove è partita la sperimentazione del loro prodotto: «Tutto è nato dopo la vittoria a un bando regionale (intraprendo). Abbiamo vinto 25mila euro e aperto un laboratorio per insegnare fotografia a bambini e adulti. Con i soldi abbiamo preso una stampante 3D. Poi tramite ricerche sul Web ci siamo informati sulle caratteristiche del Pla, acido poliattico. “Perché non usarlo nella fotografia?”» spiega Domenico a Millionaire.

Come è fatto? «Si tratta di un caricatore 35mm fatto con materiali compostabili e biodegradabili. Oltre al mais e alla barbabietola, usiamo il legno e un packaging fatto con carta riciclabile. Una volta estratto il rullino resta lo spazio per un seme di mais che può essere piantato, un modo per dare vita a un circolo virtuoso».

Per finanziare il progetto, Domenico e Guido hanno avviato una campagna di crowdfunding su Kickstarter, raccolti finora 3mila euro su un obiettivo di 25mila: «Costerà nove euro. Speriamo di portarlo presto sul mercato. Siamo fiduciosi. Grandi multinazionali delle foto si sono interessati al progetto e hanno promosso il nostro eco rullino sui loro profili social. Anche la stampa ci sta dando molto spazio. Speriamo che qualcuno decida presto di scommettere sul progetto».

• Fonte: Buonenotizie.it
• Autore: Giancarlo Donadio