Buon compleanno Rai: 60 anni di trasmissioni per la televisione nazionale

«La Rai, Radio Televisione Italiana, inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive». Con queste semplici parole il 3 gennaio 1954, esattamente 60 anni fa, un’emozionata Fulvia Colombo dava l’annuncio che segnava l’inizio della storia della televisione del servizio pubblico.

Le trasmissioni cominciarono su un unico canale (“Programma Nazionale”), l’antenato dell’odierna RaiUno e tra i primi programmi proposero “Arrivi e partenze”, condotto da Armando Pizzo e dal mitico Mike Bongiorno con interviste a una serie di viaggiatori, il primo telegiornale, una commedia di Goldoni e la puntata d’esordio della Domenica Sportiva.

«La nascita della televisione fu importante per il giornalismo perché andava a colmare un vuoto nel mondo occidentale – ha commentato Sergio Zavoli ospite del programma Prima di tutto su RadioUno – rappresentava qualcosa che prima non c’era nella società ed era un collante senza il quale il Paese rimaneva privo di un’opinione, di un giudizio sulle sorti della propria vita quotidiana e non solo. L’avvento della televisione fu una sorta di sentimento nazionale, di responsabilità collettiva, di consapevolezza civile».

E la Rai ha deciso di ricordare questa data storica con numerosi appuntamenti sparsi nel palinsesto del 3 gennaio. All’evento sarà dedicata l’intera serata di RaiUno con uno speciale di Techetechete in onda alle 21.10 dal titolo “60 anni di tv” e, a seguire, alle 23.45, una puntata di Tv7 incentrata in particolare sul mondo dell’informazione (“La storia accesa – 60 anni di Tg”). E il compleanno della Rai sarà celebrato, oltre che in appositi spazi nei notiziari nazionali e regionali, anche dalla puntata “La nascita della tv” de Il tempo e la storia in onda alle 12.50 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia.

Fonte: Kataweb.it
Aggiornamento: 06-01-2014 (1)
Sezione: Psiche e Aurora
Rubrica: Storie