ADE 2012, l’evento più importante del mondo per la musica elettronica

Ancora una volta l’Ade, in Olanda, annuncia grandi feste e altisonanti nomi tra la club culture. E aggiunge un giorno in più all’evento. Dal 17 al 21 ottobre, grazie alla Buma Cultuur, torna l’Amsterdam Dance Event: oltre ottocento artisti per altrettante esibizioni nel contesto di una cinquantina di differenti location. “Due anni fa abbiamo inserito la giornata di mercoledì al fine di accogliere un numero crescente di conferenze e feste, oltre che di partecipanti, e anche perché ci sono tanti eventi durante l’intero weekend, che ora è ufficialmente incluso nelle date della kermesse” spiega con puntiglio Richard Zijlma, direttore dell’ADE.

L’edizione 2012 dell’Amsterdam Dance Event pertanto conterrà anche le versioni “allargate” dell’ADE University (volta a ispirare ed educare i giovani studenti e professionisti del settore musica) e Ade Play (luogo di intrattenimento con mostra tecnologia e innovazione tecnologica). Ci saranno anche notevoli miglioramenti e nuovi sviluppi per l’Hard Dance Event (HDE), Music & Bits e ADE Next. Presso l’ADE University si terranno delle lezioni tenute da Simon Dunmore, mentre il duo Afrojack e Nalden sarà protagonista al Music and Bits presso il De Balie) e durante i tre giorni si registreranno parecchi interventi dei rappresentanti di Sound Cloud, Pitchfork e Boiler Room. Per Hard Dance Event e ADE NeXT, spazio ai workshop, alle dimostrazioni e alle sessioni di miti come Sven Väth e Frankie Knuckles.

Ogni anno più di tremila tra artisti, A&R, giornalisti, rappresentanti di etichette discografiche, booking manager, produttori ed editori musicali provenienti da tutto il mondo si riuniscono ad Amsterdam per fare affari, mettere in piedi la propria rete, scoprire nuovi talenti e aggiornarsi sugli ultimi sviluppi tecnologici e legislativi. I 140mila visitatori del festival, di cui circa 25mila turisti, riempie i locali della città: la vasta gamma di spettacoli e di feste che caratterizzano i migliori artisti nazionali e internazionali è ormai nota a tutto il mondo. Nell’ultima edizione, quella targata 2011 (220 eventi in 52 sedi per un totale di oltre 800 dj e artisti in generale) ha visto all’opera personaggi come David Guetta, Armin van Buuren, Afrojack, Frankie Knuckles, Ferry Corsten, Joris Voorn, Carl Cox, Groove Armada, Dave Clarke, Modeselektor, Martyn, Chris Liebing, David Morales, Sander van Doorn, Goldie, Hudson Mohawke, Roger Sanchez , Richie Hawtin e moltissimi altri.

Negli ultimi quindici anni, l’Ade è diventato l’evento più importante per la musica elettronica in tutto il mondo. “Durante la scorsa edizione sono stati rappresentati più di 52 paesi: i visitatori possono scegliere tra più di 140 diversi eventi sparsi per la città di Amsterdam”. L’Ade in questo tempo ha dimostrato che i Paesi Bassi e Amsterdam in particolare offrono il meglio della musica elettronica. “Siamo orgogliosi per il coinvolgimento internazionale della scena e questo è possibile grazie a una città come Amsterdam. Anche quest’anno siamo in grado di garantire un migliore mix di talenti emergenti e nomi affermati”.

Fonte: Trendclub.it
Aggiornamento: 13-09-2012 (4)
Sezione: Psiche e Aurora
Rubrica: Coolture